Idee e progetti pre-digitali

Penna stilografica

Questi primi file sono la copia anastatica dei miei appunti e oltre alla difficoltà del dover interpretare la mia calligrafia presentano il difetto dell'immaturità. Si tratta di idee ancor acerbe da inquadrarsi nel periodo che va da 1984 al 1989.

Qui trovate l'indice.  Molte voci sono solo un titolo e non aspettatevi un granché dalle schede presenti.

Alcune idee, però, erano assolutamente in anticipo sui tempi e le ho poi viste realizzate da altri che hanno avuto più coraggio e determinazione del sottoscritto come la Mappa cittadina elettronica (gli attuali navigatori), i servizi di assistenza domiciliare condominiale (il portierato sociale), le sigarette elettroniche, eccetera.

Mappa elettronica cittadina

Purtroppo sui manoscritti non è riportata alcuna data, ma si tratta di documenti sicuramente anteriori al 1990 (dopo quell'anno ho usato solo il computer e ho abbandonato definitivamente carta e penna.

Se tenete conto che solo nel 1991 gli USA aprirono al mondo il servizio con il nome SPS (Standard Positioning System), con specifiche differenziate da quello militare denominato PPS (Precision Positioning System). In pratica veniva introdotta la cosiddetta Selective Availability (SA) che introduceva errori intenzionali nei segnali satellitari allo scopo di ridurre l'accuratezza della rilevazione, consentendo precisioni solo nell'ordine di 100–150 m.

Il sistema GPS sostituì il Transit, quando gli USA, rinunciando alla Selective Availability, resero il primo accurato quanto il secondo, supportandolo con una rete di 24 satelliti artificiali (fonte Wikipedia)

potete dedurre che questo studio era decisamente in anticipo sui tempi.

Servizio di assistenza domiciliare condominiale

Anche in questo caso purtroppo sui manoscritti non è riportata alcuna data, ma si tratta di documenti sicuramente anteriori al 1990 (dopo quell'anno ho usato solo il computer e ho abbandonato definitivamente carta e penna.

Stando a questo articolo i primi esempi di Custodi Sociali del Comune di Milano risalgono agli inizi degli anni 2000. 

Questi appunti parrebbero in anticipo di 10 anni sulle prime sperimentazioni milanesi

No smoke (sigaretta elettronica)

I primi appunti, come tutti quelli di questa sezione, sono databili tra il 1984 e il 1989. Ho ripreso questa idea poi nel  1996 all'interno del progetto iLab.

Ho comunque inserito anche quella slide in fondo agli appunti a mano.

Il primo vero brevetto risale al 1965, depositato dallo statunitense Herbert A. Gilbert. Il primo prodotto commerciale viene commercializzato in Cina a Pechino nel 2003 sfruttando una tecnologia ad ultrasuoni da Hon Lik, un farmacista cinese[5]. Commercializzata in Cina da parte del Gruppo Golden Dragon (Holdings)”, un'industria farmaceutica cinese di Hong Kong, le sigarette elettroniche sono state brevettate come Ruyan, che significa “quasi come il fumo”.  (fonte Wikipedia)

In ogni caso rispetto al primo prodotto commerciale era in anticipo di circa vent'anni (sigh).

 
 
 
Cacciavite a pinza

Per poter avvitare senza dover tenere la vite con l'altra mano durante la fase iniziale di invito.

Probabilmente superata dai cacciaviti magnetici, anche se in certe situazioni questi non hanno una presa sufficiente che sarebbe invece garantita da questo utensile.

Rimasta nel cassetto e riscoperta solo nel 2022.

Sdraio pieghevole

Le cose pieghevoli e trasformabili hanno sempre avuto e ancora hanno (mi sono appena comprato questa bicicletta :-)) un fascino irresistibile e quindi non potevano che stimolare la mia fantasia.

Valigia pieghevole

Per il commento si veda la sdraio pieghevole...

 
 
 
Omnia

Più che un'idea/progetto un requisito (facile, intelligente, rilassante, avvincente, piacevole, trasportabile, elegante) ai tempi irrealizzabile, ma oggi forse sì

 
Occhiali / visiera per autisti

Anche in questo caso siamo molto lontani dal progetto e ai tempi anche dalla fattibilità, ma oggi trent'anni dopo la tecnologi ha fatto passi strabilianti e ad esempio l'allarme in caso di sonnolenza è una realtà 

 
AGC (Automatic Gain Control) per televisori

Oggi come allora passo le mie serate con il telecomando in mano per abbassare prontamente il volume durante le pubblicità, ma anche nei momenti topici dei film.

I miei ultimi televisori presentavano questa funzione, ma non ha mai funzionato, tanto che io continuo a consumare i tasti del volume del telecomando.

Viene proprio da pensare che i costruttori di TV non vogliano andare contro gli interessi delle grandi reti televisive e dei relativi proventi pubblicitari.